Eventi 2018

Con grande emozione vi annunciamo che il pianista jazz FRANCESCO MACCIANTI ritorna a suonare per il Lyceum Club Internazionale di Firenze, in collaborazione con gli AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE e con il CONSERVATORIO "LUIGI CHERUBINI", nella cui Sala del Buonumore "Pietro Grossi" (Piazzetta delle Belle Arti, 1 - Firenze) vi aspettiamo Lunedì 26 febbraio, alle ore 21, per l'ascolto di un nuovo, emozionante progetto: "Path".

Con questo titolo prende vita un percorso spirituale e musicale, ispirato al "Cammino" di Santiago di Compostela e dedicato alla memoria del fratello del musicista, Nicola Maccianti.

Il concerto sarà registrato dal vivo.

 

L'iniziativa è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina", sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Ricordiamo che le iniziative del Lyceum Club Internazionale di Firenze sono a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili (i posti riservati sono per i Soci del Lyceum e i loro invitati).

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato per la partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE - Sezione Musica

Conservatorio "L. Cherubini" - Sala del Buonumore "Pietro Grossi" (Piazzetta delle Belle Arti, 1 - Firenze)

Lunedì 26 febbraio 2018, ore 21

Path

FRANCESCO MACCIANTI, pianoforte jazz

 

 

“Libri che hanno fatto l'Europa. Governo dell’economia e Democrazia dal XV al XX secolo”: era questo il titolo della mostra, tenutasi nel 2017 in occasione del 60esimo anniversario dei Trattati di Roma, a Palazzo Madama a Roma, dopo essere stata allestita nel 2016 alla Bibliotheca Wittockiana di Brussels.

Un viaggio, attraverso 140 libri preziosi e fortemente evocativi, che coprono un arco temporale di circa 500 anni, dal 1468 al 1950, che documenta il processo attraverso cui 500 milioni di cittadini, che parlano 24 lingue ufficiali in 28 paesi e che detengono una significativa parte della ricchezza del mondo, hanno cancellato i confini della Storia e vivono oggi pacificamente nell’Unione Europea.

Questo cammino verso una “Europa federata” era stato già indicato da tempo come via d’uscita rispetto al rischio dello strapotere degli Stati Nazionali e al pericolo di nuovi eccessi di nazionalismo. Una sorta di nuova Pax Augustea, che portava, con sé, anche “pace e prosperità”.

Di questo percorso, il libro a stampa è stato assoluto protagonista. Laddove Johann Gutenberg ha reso disponibile la tecnica, la società mercantile, l’umanesimo, l’illuminismo, il liberalismo, il collettivismo ed il federalismo hanno apportato, nel corso dei secoli, i contenuti. Contemporaneamente la rivoluzione scientifica ha avviato quella laicizzazione della cultura, che avrebbe condotto allo sviluppo della “scienza sociale”, all’era dei diritti e delle eguali opportunità e alla cultura del welfare.

 

Sarà la voce del curatore della mostra, Eugenio Sidoli, a ripercorrere questo cammino, accompagnando nelle Sale del Lyceum, alcuni esemplari di questi libri, radici forti della nostra civiltà occidentale e della nostra identità culturale.

 

Vi aspettiamo Lunedì 19 febbraio alle 18.

 

Adelina Spallanzani, Claudia Melli

Sezione Rapporti Internazionali

 

Anna Borgia, Annalisa Adami

Sezione Letteratura

 

 

 

Si è presentata l'occasione eccezionale di visitare il nuovo Planetario digitale di Firenze (DIGISTAR), con una lezione immersiva sotto la cupola di Via Giusti 29, il giorno

 

15 FEBBRAIO ALLE ORE 15.

 

Si tratta di un'esperienza davvero particolare, per cui è richiesto un numero minimo di partecipanti (20), per un massimo di 52 persone.

 

Chi è interessato a partecipare, prenoti e anticipi il costo del biglietto a Mary Facciotto in uno dei prossimi incontri organizzati dal Lyceum (29 gennaio o 1 febbraio).

 

Il costo è di euro 7.50 a testa e la prenotazione va confermata tassativamente entro il giorno 2 febbraio.

 

La Presidenza e la Sezione Scienze e Agricoltura hanno ritenuto di privilegiare questa occasione, sostituendo l'iniziativa presente sul Programma generale.

 

Il numero di Mary è 3339862373, ma non saranno accettate prenotazioni senza il relativo pagamento.

 

 

La Presidenza

La Sezione Scienze e Agricoltura

 

 

Lunedì 12 febbraio alle ore 18 al Lyceum Club Internazionale di Firenze (in Palazzo Giugni, Via Alfani, 48 - primo piano) attendiamo due splendide musiciste, proposteci dall'ASSOCIAZIONE MUSICA CON LE ALI, in collaborazione con il CONSERVATORIO "L. CHERUBINI" DI FIRENZE: la violoncellista romana ERICA PICCOTTI e la pianista fiorentina LAVINIA BERTULLI, che hanno già cominciato una luminosa carriera internazionale (proprio Domenica 11 febbraio Lavinia Bertulli interpreterà ad Empoli il Concerto op. 54 in la minore di Schumann con l'Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, sotto la direzione di Fabio Luisi).

 

Queste due giovani, eccellenti musiciste proporranno al Lyceum un

itinerario musicale di grande fascino, iniziando con la Sonata in do maggiore op. 119 di Sergej Prokofiev: uno dei capolavori ispirati e

dedicati a Mstislav Rostropovic, che ne supervisionò la parte violoncellistica e lo presentò in prima esecuzione a Mosca, con l'autore al pianoforte, nel 1950. Seguirà l'immersione nel "cante jondo" andaluso, rivisitato da Manuel de Falla, nella Suite populaire

espagnole, trascrizione strumentale di sei delle Siete Canciones populares españolas -originariamente scritte per voce e pianoforte nel 1914 - della quale dobbiamo a Maurice Maréchal la parte violoncellistica. Dall'Andalusia concluderemo, poi, questo viaggio musicale con un altro capolavoro dedicato a Rostropovich, intriso di sensuale malinconia: Le Grand Tango di Astor Piazzolla.

 

L'iniziativa è a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili, e fa parte della rassegna "Amicizia da Firenze al mondo", sostenuta dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

 

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato per la partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti - Via Alfani, 48 Firenze (primo piano)

Lunedì 12 febbraio 2018, ore 18 - Sezione Musica

ERICA PICCOTTI, violoncello; LAVINIA BERTULLI, pianoforte

in collaborazione con l'ASSOCIAZIONE MUSICA CON LE ALI

Musiche di S. Prokofiev, M. de Falla e A. Piazzolla

 

 

Vi ricordiamo che nella sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze in Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano) domenica 4 febbraio, dalle 11 alle 12.30, il M° A. Riccardo Luciani ci insegnerà ad ascoltare due poemi sinfonici di Richard Strauss che potremo ascoltare pochi giorni dopo al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino: Don Juan op. 20 e I tiri burloni di Till Eulenspiegel op. 28.

Questo incontro appartiene alla grande tradizione di educazione all'ascolto musicale che la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e il Lyceum Club Internazionale di Firenze promuovono da sempre e proseguono con questi incontri, che "cambiano" il nostro modo di ascoltare la musica, facendo scoprire anche ai meno esperti come diventare consapevoli di quello che accade in una partitura e divertirsi ancora di più.

 

Queste le date dei prossimi incontri a cadenza mensile, sempre dalle 11 alle 12.30:

- 4 febbraio 2018: Don Juan op. 20 e I tiri burloni di Till Eulenspiegel op. 28

- 11 marzo 2018: la Sonata in fa maggiore op. 6 per violoncello e pianoforte e Metamorphosen Studio per 23 archi solisti

- 8 aprile 2018: Eine Alpensymphonie (Una sinfonia delle Alpi) op. 54

 

Nel volantino trovate tutte le informazioni.

 

https://scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3320-la-musica-strumentale-di-richard-strauss

 

Vi aspettiamo!

 

Un caro saluto,

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

**************************************************************************

 

Riccardo A. Luciani ci racconta quest’anno la musica strumentale di Richard Strauss, in quattro incontri mensili da gennaio ad aprile.

Si rinnova per questo corso la collaborazione col Lyceum Club Internazionale di Firenze, che ospita gli incontri presso la storica sede di Palazzo Giugni, in via degli Alfani.

La musica strumentale di Richard Strauss ci sarà resa più familiare grazie ad uno dei massimi esperti di divulgazione musicale: Riccardo Luciani, che illustrerà la parabola creativa di Strauss a partire dalle prime composizioni, caratterizzate da una sorprendente padronanza delle forme tradizionali, come la Sonata per violoncello e pianoforte op. 6 (composta a soli 17 anni).

Saranno affrontati capolavori come le Metamorfosi per 23 archi solisti e alcuni dei grandi poemi sinfonici, con l’analisi e l’ascolto di Don Juan op. 20, I tiri burloni di Till Eulenspiegel op. 28, Don Quixote op. 35 e la Sinfonia delle Alpi op. 54.

Il corso è offerto gratuitamente agli iscritti all’Associazione Amici della Scuola di Musica di Fiesole e a quelli del Lyceum Club Internazionale di Firenze, con obbligo di prenotazione presso la Segreteria del Lyceum (Mary Facciotto, tel. 333 9862373), fino al raggiungimento di un massimo di 20 persone. Tutti gli altri interessati potranno iscriversi con le modalità indicate nel modulo.

Gli eventuali ricavi provenienti da questa iniziativa verranno utilizzati per l’organizzazione di altre attività istituzionali a scopo didattico della Fondazione Scuola di Musica di Fiesole Onlus.

A coloro che avranno seguito il corso nel suo intero svolgimento verrà rilasciato, su richiesta, un attestato di partecipazione al termine del ciclo.

Gli incontri si tengono di domenica mattina, in orario 11.00-12.30, nella sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze (Via Alfani, 48 – Firenze, primo piano).

 

 

La Sezione Arte inaugura la sua programmazione con una conferenza straordinaria, sia per il prestigio del Relatore, sia per il tema che verrà affrontato: "L'arte, l'amicizia, le idee".

 

L’arte sicuramente può ritrarre contenuti profondi dell’amicizia ed essere una raffigurazione alta di quel sentimento. Il tema di Oreste e Pilade, caro alla scultura del mondo antico ne è uno dei primi esempi. L’arte può farci inoltre riflettere della sua coesistenza/ concorrenza con l’amore. Certo, il doppio ritratto, di due amici, è uno dei soggetti più difficoltosi dell’artista, ad esempio, nel Rinascimento: qualche caso può far capire la complessità del genere.

Ma uno degli aspetti meno conosciuti dell’arte è la sua capacità di trasmettere in modo articolato idee in comune e svilupparle attraverso una rappresentazione.

È il caso di uno dei dipinti più conosciuti del Caravaggio, la Canestra (Milano, Pinacoteca Ambrosiana): la sua comprensione, al di là di ciò che si vede, può far capire come due persone intellettualmente affini possano comunicare idee e valori.

Ugualmente, alcune opere di Monet e di Manet sono suggestiva testimonianza della loro amicizia e reciproca stima.

 

Sarà Andrea Muzzi, Soprintendente Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Pisa e Livorno, a dare vita a questo percorso, denso di stimoli e di suggestioni.

 

Vi aspettiamo Giovedì 1 febbraio alle 18.

 

Sezione Arte

Elisa Acanfora

 

 

Per la conferenza inaugurale della programmazione 2018 della Sezione Scienze ed Agricoltura del Lyceum fiorentino, lunedì 29 gennaio alle ore 18 il dott. Pasquale De Leo terrà una conferenza dal titolo "Omeopatia: una medicina amica dell’uomo".

 

Una conferenza sulla Medicina Omeopatica alla luce delle nuove conquiste mediche e scientifiche riprendendo l’antica tradizione medica della nostra cultura. Le alte diluizioni di un principio medicamentoso non annullano l’effetto di questo, ma ne mantengono l’attività, eliminando le controindicazioni, naturali conseguenze del farmaco somministrato in quantità ponderale.

 

Per questa occasione Vi aspettiamo nella sala conferenze dell'Ospedale più antico al Mondo, l'Ospedale di Santa Maria Nuova in Piazza Santa Maria Nuova, 1 a Firenze.

 

Maria Luisa Luisi e Maria Teresa Ceccherini Guicciardini

Sezione Scienze e Agricoltura

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

A dare il via alla serie di concerti del Lyceum Club Internazionale di Firenze per l'anno 2018 sarà la pianista uzbeka NAFIS UMERKULOVA, "stella" messasi in luce alla Royal Academy of Music, che Lunedì 22 gennaio alle ore 18 - grazie alla collaborazione con PATRICK MATTHIESEN e THE MATTHIESEN FOUNDATION di Londra - potremo ascoltare nella nostra sede storica di Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano).

Il programma comprende la Sonata in mi minore XVI 34 di Joseph Haydn, la Sonata in fa diesis minore op. 11 di Robert Schumann e il raro ascolto di tre Preludi e della Sonata in mi bemolle minore di Alexei Stanchinsky (1888-1914), un compositore russo dall'inquieta e fervida genialità, scomparso in circostanze misteriose a soli 26 anni, la cui magnifica scrittura, memore del canto popolare russo e dell'espressività visionaria, è stata avvicinata a Musorgskij e Skrjabin.

 

L'iniziativa è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Amicizia da Firenze al mondo", sostenuta dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

 

Ricordiamo che le iniziative del Lyceum Club Internazionale di Firenze sono a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili (i posti riservati sono per i Soci del Lyceum e i loro invitati).

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato per la partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo, per ricominciare insieme un anno pieno di musica.

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

********************************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti - Via Alfani, 48 Firenze (primo piano)

Lunedì 22 gennaio 2018, ore 18 - Sezione Musica

NAFIS UMERKULOVA, pianoforte

in collaborazione con THE MATTHIESEN FOUNDATION

Musiche di J. Haydn, A. Stanchinsky e R. Schumann

 

 

 

L’attività della Sezione Letteratura si apre giovedì 18 gennaio alle ore 18, con un film che inaugura un’annata in cui la “Settima Arte” avrà grande spazio, così come era stato richiesto anche in sede di Assemblea dalle Socie.

Come ouverture di un anno dedicato all’Amicizia, abbiamo scelto la docu-fiction “Caro Lucio ti scrivo” (2017); tutti ricordiamo la poesia infinita e struggente della canzone di Lucio Dalla “L’anno che verrà”, che inizia con il classico incipit epistolare: “Caro Amico ti scrivo…”.

Da quando sei partito, c’è una grande novità…” Correva il 1978. Più di un secolo prima, Emily Dickinson usava un analogo pretesto letterario, per evocare l’amica Jane Humphrey:

Cara Jane.

Ti ho scritto un gran numero di lettere da quando mi hai lasciata – non il genere di lettere che passano per gli uffici postali – e viaggiano nei sacchi – ma strane – silenziose letterine – tanto piene di affetto – e piene di confidenza ….”

Lettere virtuali e gesti antichi, come scrivere una lettera, piegare il foglio, vergare l’indirizzo, incollare il francobollo… gesti quasi completamente dimenticati, annullati nei modi e nei tempi dai nuovi mezzi di comunicazione e, soprattutto, dalla posta elettronica.

Con questo film, quindi, oltre a rendere omaggio a un indimenticabile cantautore, vogliamo richiamare l’importanza dei gesti lenti dell’Amicizia e quei valori, che, paradossalmente, si sono appannati nell’immensità di voci sole, che contraddistingue l’era dei social network.

 

Anna Borgia, Annalisa Adami, Sezione Letteratura

Eleonora Negri, Irene Weber Froboese, Sezione Musica

 

L'autore

Cristiano Governa

 

Il regista

Riccardo Marchesini

 

Il distributore

I Wonder Pictures

 

Cast Artistico

Con le voci di

AMBRA ANGIOLINI

ALESSANDRO BENVENUTI

PIERA DEGLI ESPOSTI

NERI MARCORÈ

OTTAVIA PICCOLO

ANDREA RONCATO

GRAZIA VERASANI

Egle Petazzoni la postina FEDERICA FABIANI

 

 

 

 

Sta per ricominciare un nuovo corso di educazione all'ascolto musicale tenuto dal M° A. Riccardo Luciani per la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole e il Lyceum Club Internazionale di Firenze!

 

Quest'anno l'argomento dei quattro incontri a cadenza mensile, che si svolgeranno a partire da domenica 14 gennaio (ore 11-12.30) nella sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze, è la musica strumentale di Richard Strauss, della quale saranno illustrati e ascoltati alcuni capolavori che meritano una migliore qualità e una maggiore consapevolezza di ascolto che, dopo ogni lezione del M° Luciani, anche i meno esperti sono in grado di ottenere.

Il primo incontro verterà sul geniale poema sinfonico che Strauss dedicò al capolavoro di Cervantes: Don Quixote, variazioni fantastiche su un tema cavalleresco op. 35.

 

Queste le date delle lezioni successive, sempre dalle 11 alle 12.30 e sempre nella sede del Lyceum (Palazzo Giugni-Fraschetti, Via Alfani, 48 Firenze):

- Domenica 4 febbraio

- Domenica 11 marzo

- Domenica 8 aprile

 

Nel volantino trovate le istruzioni per altre modalità d'iscrizione al corso.

 

https://scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3320-la-musica-strumentale-di-richard-strauss

 

Vi aspettiamo!

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

******************************************************

 

Riccardo A. Luciani ci racconta quest’anno la musica strumentale di Richard Strauss, in quattro incontri mensili da gennaio ad aprile.

Si rinnova per questo corso la collaborazione col Lyceum Club Internazionale di Firenze, che ospita gli incontri presso la storica sede di Palazzo Giugni, in via degli Alfani.

La musica strumentale di Richard Strauss ci sarà resa più familiare grazie ad uno dei massimi esperti di divulgazione musicale: Riccardo Luciani illustrerà la parabola creativa di Strauss a partire dalle prime composizioni, caratterizzate da una sorprendente padronanza delle forme tradizionali, come la Sonata per violoncello e pianoforte op. 6 (composta a soli 17 anni), che sarà eseguita dal vivo da un duo di allievi dei corsi di perfezionamento della Scuola.

Saranno affrontati capolavori come le Metamorfosi per 23 archi solisti e alcuni dei grandi poemi sinfonici, con l’analisi e l’ascolto di Don Juan op. 20, I tiri burloni di Till Eulenspiegel op. 28, Don Quixote op. 35 e la Sinfonia delle Alpi op. 54.

Il corso è offerto gratuitamente agli iscritti all’Associazione Amici della Scuola di Musica di Fiesole e a quelli del Lyceum Club Internazionale di Firenze, con obbligo di prenotazione presso la Segreteria del Lyceum (Mary Facciotto, tel. 333 9862373), fino al raggiungimento di un massimo di 20 persone. Tutti gli altri interessati potranno iscriversi con le modalità indicate nel modulo.

Gli eventuali ricavi provenienti da questa iniziativa verranno utilizzati per l’organizzazione di altre attività istituzionali a scopo didattico.

A coloro che avranno seguito il corso nel suo intero svolgimento verrà rilasciato, su richiesta, un attestato di partecipazione al termine del ciclo.

Gli incontri si terranno di domenica mattina, in orario 11.00-12.30, nella sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze (Via Alfani, 48 – Firenze, primo piano).

 

Calendario

14 gennaio 2018: Don Quixote op. 35

4 febbraio 2018: Don Juan op. 20 e I tiri burloni di Till Eulenspiegel op. 28

11 marzo 2018: la Sonata in fa maggiore op. 6 per violoncello e pianoforte e Metamorphosen Studio per 23 archi solisti

8 aprile 2018: Eine Alpensymphonie (Una sinfonia delle Alpi) op. 54

 

 

 

L’inaugurazione della Annata sociale 2018 ha l’intenso aroma della cioccolata, il Cibo degli dèi.

 

Sin dalle sue prime apparizioni sulle mense della vecchia Europa, la cioccolata ha rappresentato un elemento/alimento dal forte potere socializzante, una sostanza quasi “peccaminosa” nei suoi benefici effetti.

 

Questa sua storia, così espressiva della nostra cultura, sarà ripercorsa e drammatizzata dalle voci della COMPAGNIA DELLE SEGGIOLE, in una lettura a cura di Sabrina Tinalli, e il suo gusto (Beato cioccolato, che dopo aver corso il mondo, attraverso il sorriso delle donne, trova la morte nel bacio saporito e fondente delle loro bocche, Anthelme Brillat-Savarin) verrà percepito attraverso l’eccellenza di Mirco della Vecchia, Maestro Cioccolatiere.

 

Vi aspettiamo Giovedì 11 Gennaio, alle 18, per un incontro che sublimerà l’udito e il gusto, attraverso l’antico, innocente piacere… della cioccolata.

 

La Presidente

 

 

 

 

LA COMPAGNIA DELLE SEGGIOLE www.lacompagniadelleseggiole.it, www.radiogialli.it

 

Nata nel 1999, riunisce un gruppo di attori provenienti da varie realtà toscane e di diversa formazione. Specializzata nel teatro di parola, mette al centro della scena l’attore, circondato da scenografie scarne: al più gli interpreti possono servirsi di qualche sedia (da qui il nome). Sin dalla prima esperienza, la Compagnia si è distinta per l’originalità dei propri lavori, la ricerca di progettualità innovative e alternative rispetto al teatro tradizionale. Per questo motivo gran parte degli spettacoli sono stati rappresentati in luoghi altri rispetto allo spazio scenico, privilegiando monumenti, ristoranti, ville, edifici storici della città di Firenze e non solo. Dal 2003 la Compagnia si è specializzata nelle cene con radiogialli, in particolare nella lettura dei “Radiogialli” di Ellery Queen da proporre al pubblico di commensali di diversi ristoranti toscani. L’altro “fiore all’occhiello” della Compagnia delle Seggiole sono le visite-spettacolo, altrimenti chiamate “viaggi teatrali”, spettacoli scritti appositamente per i luoghi in cui vengono rappresentati. Dal Teatro della Pergola, al Monastero della Certosa del Galluzzo, dall’Istituto degli Innocenti, al Corridoio Vasariano, alla Biblioteca Nazionale, all’IKEA, al Planetario. Oltre a numerose esperienze all’estero, la Compagnia mette in scena “Accendi la fantasia. Conversazioni (in)credibili con i Protagonisti della Storia”, interviste “impossibili” a personaggi quali Carlo Lorenzini, Galileo Galilei, Amerigo Vespucci, Monna Lisa e Edmondo De Amicis.

 

Il maestro cioccolatiere Mirco Della Vecchia ha cominciato la sua carriera nel mondo del cioccolato, vincendo diverse competizioni di pasticceria nazionali e internazionali. La passione per il cioccolato artigianale l'ha portato a produrre, nella sua originaria fabbrica di cioccolato di Limana (Belluno), praline, creme, tavolette e altri prodotti in maniera equa e solidale, acquistando il cacao direttamente dai produttori sudamericani. Dal 2006, infatti, si dedica in modo più determinato alla produzione di cioccolato artigianale, abbinando a quest'ultimo la torrefazione del caffè e del cacao. Il tutto perseguendo l'obiettivo della filiera corta del cioccolato e tenendo vivo lo spirito del vero artigiano fin dalla materia prima. Le scelte aziendali sono tutte nell'ottica della salvaguardia del prodotto dall'origine al consumatore finale. Mirco Della Vecchia è socio fondatore della Fine Chocolate Organization, associazione di cioccolatieri che punta, in un'ottica di sviluppo sostenibile e solidale, all' approvvigionamento di cacao direttamente dai paesi produttori, senza lo sfruttamento della manodopera. La sua ultima iniziativa è il lancio dei negozi di cioccolato in franchising "Cioccolaterie Mirco Della Vecchia", veri e propri "templi" del cioccolato artigianale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contattaci

Firenze,

Palazzo Giugni Fraschetti,

via Alfani 48, primo piano

Telefono e Fax

0552478264

E-mail:

info@lyceumclubfirenze.it