Eventi 2017

Ultimo appuntamento del ciclo “Visite ai Giardini” della Sezione Sociale, con una visita ad un luogo che ha segnato una svolta nella percezione dell’arte contemporanea, alla Fattoria di Celle a Santomato di Pistoia, dove, dal 1982, Giuliano Gori ha aperto al pubblico una collezione “site specific”: ispiratosi alla presenza di alcune costruzioni ottocentesche (la voliera, la palazzina del Tè, il monumento egizio, ecc.), Giuliano Gori ha riletto questi spazi, come location virtuali di interventi creati ad hoc. Ogni artista, infatti, ha realizzato la propria opera, come parte integrante del paesaggio, in una simbiosi naturale.

L’ appuntamento è per il 10 giugno alle 8.30, davanti al Tribunale di Firenze, ingresso principale lato CRF.

La visita è riservata a non più di 15 persone. Il trasferimento dura circa 45 minuti. Al momento della prenotazione, ci attiveremo per organizzare i passaggi in macchina.

Indispensabili scarpe comode, antiscivolo e un golf, dato che la visita è una vera e propria passeggiata nel parco.

Ci accompagnerà una delle esperte guide del Parco.

Per informazioni e prenotazioni chiamare Alessandra Scarpato (3405659276) oppure Tatjana Jaksic (3484746354) entro il 5 giugno.

 

Alessandra Scarpato

Tatjana Jaksic

Sezione Attività Sociali

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Vi aspettiamo venerdì 26 maggio alle ore 18 al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 - primo piano) per un'occasione davvero storica, che realizzeremo in collaborazione con gli AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE: il concerto con cui la celebre pianista australiana MAUREEN JONES festeggerà un suo importante compleanno, esibendosi con le sue consuete grandezza e generosità in un programma per pianoforte a quattro mani insieme a MASSIMILIANO BAGGIO, con il quale Maureen ha formato dal 2008 un affiatato duo pianistico.

 

Il programma è di quelli che uniscono l'intelligenza, la bellezza e la curiosità di ascolto per splendide, quanto inconsuete pagine di grandi autori. Il concerto inizierà con il Quartetto in la maggiore op. 26 di Johannes Brahms nella trascrizione originale dell'autore per pianoforte a quattro mani; seguiranno le Tre marce militari D 733 di Franz Schubert e Tre danze slave dall'op. 72 di Antonin Dvoràk (la n. 2 in mi minore, la n. 8 in la bemolle maggiore e la n. 7 in do maggiore).

 

Il concerto è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina" - sostenuta da FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

.

**************************************************************************************

 

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano)

Venerdì 26 maggio, ore 18 – Sezione Musica

/Festa musicale per Maureen Jones/

MAUREEN JONES e MASSIMILIANO BAGGIO, pianoforte a quattro mani

Musiche di F. Schubert e J. Brahms

In collaborazione con AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE

 

 

Lunedì 22 maggio alle ore 19 nella Sala Musica del Lyceum (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 - I piano) avrà luogo il concerto per l'iniziativa del ciclo "Svelare la musica" - realizzata in collaborazione con l'associazione "Amici di Suoni riflessi" e riservata ai nostri e ai loro iscritti - nella quale il celebre flautista e direttore d'orchestra Mario Ancillotti, insieme ad Antonio Anichini e ai musicisti dell'Ensemble "Nuovo Contrappunto", ci illustreranno l'incredibile avventura contrappuntistica dell'Offerta musicale di Johann Sebastian Bach (Musikalisches Opfer BWV 1079), dedicando le loro spiegazioni e i loro esempi musicali ai Canoni di questo monumento della cultura europea.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Siamo lieti di invitarVi giovedì 18 maggio p.v. alle ore 18.00 all’inaugurazione della quinta mostra in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Firenze.

Questa volta nell'arco del progetto di mostre dedicate ai maestri e agli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Firenze il Lyceum ospita una mostra di Pietro Manzo, giovane artista già affermato ed ex allievo dell'Accademia. Fra le altre cose vincitore, pochi anni fa, della residenza intitolata Tito Conit dell'Accademia delle Arti del Disegno.

Le tre opere che qui presenta sono le prime di un progetto più ampio che si intitola ri-Costruire incentrato sul paesaggio, quello naturale, e sull'armonia compositiva che l'azione umana ha nel tempo inevitabilmente alterato.

L'intento è quello di restituire all'immagine fotografica del paesaggio – che l'artista ha scattato personalmente – la sua idea di perfezione, procedendo secondo un criterio di sottrazione e cancellazione sistematica di tutti quegli elementi ‘artificiali’ frutto dell'intervento umano.

Partendo da una fotografia l'artista interviene con la pittura per ‘ricostruire’ la bellezza del paesaggio naturale eliminando ogni lacerazione.

Facente parte di un più ampio ciclo di ‘ricostruzioni pittoriche’ il progetto ri-Costruire (Alpi Apuane) si compone di 3 stampe fotografiche cm 120x86 su forex con intervento di pittura ad olio.

Vi aspettiamo.

Elisa Acanfora

Maria Claudia Bianculli

Sezione Arte Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Il 13 maggio avremo la possibilità straordinaria di visitare il Roseto Botanico Gianfranco e Carla Fineschi, a Cavriglia.

Il Roseto raccoglie, dal 1967, specie e ibridi di rose da tutto il mondo e costituisce una collezione privata esclusiva nel suo genere, senza fini di lucro, ma con l’unico interesse di rappresentare una collezione scientifica di materiale vivente, con più di 6.000 esemplari.

Nato su iniziativa del Prof. Gianfranco Fineschi, docente della Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica di Roma, il progetto si è potuto concretizzare grazie ad acquisizioni botaniche, che sono state organizzate secondo schemi tassonomici precisi.

La nostra guida sarà la Socia Francesca Pierini, punto di riferimento del Club per visite guidate di eccezione.

 

Ci incontreremo davanti all'OBI Hall alle 9 e ognuno usufruirà di mezzo proprio: la durata del viaggio è di circa un'ora e un quarto.

La durata della visita è di circa un'ora e mezzo.

 

La prenotazione, obbligatoria, deve pervenire a Tatjana Jaksic

(3484746354) o Alessandra Scarpato (3405659276), entro lunedì 8 maggio.

Ulteriori informazioni saranno fornite al momento della prenotazione.

Vi aspettiamo

Alessandra Scarpato e Tatiana Jaksic

sezione Attività sociali

 

 

Lunedì 8 maggio alle ore 18 al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 - primo piano) ospiteremo il già applauditissimo duo formato da MAURO TORTORELLI (violino) e ANGELA MELUSO (pianoforte), che ci offriranno un programma di grande interesse e rarità, incentrato su alcuni capolavori del "nostro" Novecento musicale.

 

La splendida Sonata in re minore op. 12 per violino e pianoforte di Rosario Scalero ci darà l'occasione di ascoltare la magnifica scrittura strumentale di questo compositore, che fu violinista allievo di Camillo Sivori - a sua volta allievo di Paganini - e docente di contrappunto al Curtis Institute di Philadelphia, svolgendovi un magistero compositivo la cui scuola risale a Brahms e, "per li rami", fino a Palestrima. Allievi di Scalero furono compositori come Samuel Barber, Nino Rota, Giancarlo Menotti, fino a Riccardo Luciani, del quale potremo ascoltare il bellissimo "Selon Queneau", una composizione per violino e pianoforte in forma di variazioni, ispirata ai celebri "Esercizi di stile" dello scrittore francese. A completare il programma saranno le virtuosistiche Variazioni sul tema del Barucabà di Paganini, scritte da Rosario Scalero - in cui ritroveremo la sua filiazione strumentale paganiniana - e il "Notturno adriatico" di Mario Castelnuovo-Tedesco, un altro compositore che al Lyceum è di casa anche oggi, con la sua biblioteca fiorentina, donata dalle nipoti del compositore, la cui collezione musicale è spunto per programmi cameristici come questo.

 

Il concerto è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina" - sostenuta da FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Vi aspettiamo sabato 6 maggio alle ore 10.30 a Pontedera, a Palazzo Pretorio, in Corso Matteotti 44, per visitare la mostra ‘Tutti in moto. Il mito della velocità in cento anni di arte’.

La mostra continua anche al Museo Piaggio con ‘Futurismo. Velocità e fotografia’.

Il trasferimento è previsto con mezzi propri.

Per chi viene in treno:

Partenza da Firenze Santa Maria Novella, alle ore 8:53 con arrivo a Pontedera alle 9:49.

Oppure, partenza alle 9:28, con arrivo a Pontedera alle 10:13.

Ritorno da Pontedera alle ore 13:10, con arrivo a Firenze Santa Maria Novella alle 14:07.

Oppure, 13:47, con arrivo alle 14:32.

Successivamente, ci sono treni ogni 20-30 minuti.

 

Per la visita guidata, è indispensabile la prenotazione presso Mary Facciotto (tel.333 9862373) entro e non oltre giovedì 4 maggio.

Adelina Spallanzani, Claudia Melli

Sezione Rapporti Internazionali

Lyceum Club di Firenze

 

 

Vi aspettiamo sabato 29 aprile alle ore 10,30 in via dei Bardi 1 rosso all’ingresso di Villa Bardini per ammirare la fioritura del suo giardino, con il glicine, che si distende quasi teatrale in pergolati e spalliere, le camelie, le azalee, che aprono la stagione alle ortensie, sarà teatro di una riflessione sulla storia delle collezioni dell’antiquario Stefano Bardini, che aveva trasformato in museo il palazzo di Piazza de’ Mozzi.

Accompagnatrice d’eccezione, la Socia Francesca Pierini, che darà voce alla storia del palazzo e del giardino, concepito come naturale prosecuzione del palazzo stesso.

Per informazioni e prenotazioni potete contattare Alessandra Scarpato (3405659276) e Tatjana Jaksic (3484746354).

Sezione Attività Sociali

Lyceum Club di Firenze

 

 

Vi aspettiamo al Lyceum Club Internazionale di Firenze giovedì 27 aprile alle ore 18 per ascoltare la relazione di Amalie R.Rothschild, regista e fotografa, figlia dell’omonima artista americana, Amalie Rothschild.

La presentazione sarà un viaggio che ripercorre la produzione artistica della madre, pittrice e scultrice, che visita per la prima volta nel 1961 l’Europa e l’Italia, aveva 45 anni. Trasmette alla figlia l’amore per l’arte italiana di tutti i tempi, dagli Etruschi fino all’arte moderna, come Modigliani e Morandi. La figlia si trasferisce in Italia nel 1983, a Roma e poi a Firenze, dal 2002, dove tutt’ora vive.

In questo percorso artistico viene data particolare attenzione ai modi in cui il passato trova nuova vita nell’immaginazione di una donna artista.

Sarà proiettato un brano del film documentario ’Nana, Mom and Me’, che la figlia regista ha girato e prodotto negli anni ’70 su sua mamma e sua nonna. La presentazione sarà dedicata alle donne che nutrono amore per l’arte.

Adelina Spallanzani

Claudia Marin Melli

Sezione Rapporti Internazionali

Elisa Acanfora

Maria Claudia Bianculli

Sezione Arte

Lyceum Club di Firenze

 

 

 

"Caterina è stata il capo della Casa de La Tour d'Auvergne, di cui sono attualmente il responsabile; io appartengo infatti a un ramo cadetto divenuto principale. Il mio ruolo non è forse quello di vegliare sulla storia di questa illustre casata?

Il mio amore per l'Italia, Firenze in particolare, trae la sua origine non solo dalla persona di Caterina, ma da tutti i legami che la mia famiglia e quella di mia moglie hanno stretto nel corso dei secoli con la Toscana e con la vostra nazione...

Mi sforzerò di lasciarvi l'immagine di una regina lungimirante, ben lontana dalla figura machiavellica della leggenda nera...."

Queste le parole con cui aprirà la sua conferenza Géraud de la Tour d'Auvergne, Inspecteur général honoraire de l'administration des affaires culturelles, discendente in linea diretta di Maddalena de La Tour d'Auvergne, a sua volta figlia di Jean III, conte d'Auvergne, di Lauragais e di Boulogne, e della principessa di sangue reale Jeanne la Jeune di Bourbon-Vendôme.

Sarà lui a ripercorrere la storia del sogno politico di Caterina de' Medici, ricostruendo il legame tra la città dei Medici e la Francia dei Valois.

Vi aspettiamo giovedì 20 aprile, alle 18, per dare il benvenuto a un discendente di quella regina, che portò Firenze nel cuore d'Europa.

La Presidente

 

 

Domenica 9 aprile al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Via

Alfani, 48 - primo piano), dalle ore 11 alle 12.30, la lezione del M° A. Riccardo Luciani su alcune pagine di "Ein deutsches Requiem" op. 45 di Johannes Brahms concluderà gli incontri del corso "Brahms il progressivo", insegnandoci ad ascoltare e a godere in modo più consapevole la bellezza di questo capolavoro, che potremo ascoltare il prossimo 18 maggio all'80° Maggio Musicale Fiorentino.

 

Ricordiamo che l'iniziativa è realizzata in collaborazione con la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole - Onlus e che è necessaria l'iscrizione (anche alle singole lezioni, che sono di taglio monografico).

 

ISCRIZIONI ONLINE AL SEGUENTE LINK

http://www.scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3057-corso-luciani

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48, Firenze - primo piano

Domenica 9 aprile, ore 11 - Sezione Musica

A. RICCARDO LUCIANI, Brahms il progressivo: Sinfonia n. 4 op. 98, Finale: Ciaccona

Musiche di J. Brahms

In collaborazione con la FONDAZIONE SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE – ONLUS

 

Riccardo A. Luciani mette a disposizione dei frequentatori la sua

profonda competenza e la ben nota capacità divulgativa per tracciare un ritratto di Johannes Brahms. Nel 1933 Arnold Schönberg lo definiva - in un saggio divenuto celebre - "Brahms il progressivo", notando come, a distanza di tempo, il suo contributo all'evoluzione del linguaggio musicale apparisse ben più rilevante di quanto percepito dai contemporanei.

Durante gli incontri, che si terranno presso la sede del Lyceum Club

Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, via Alfani, 48), sono previsti ascolti discografici e dal vivo, con l’intervento di

giovani musicisti della Scuola.

 

 

Vi invitiamo questo giovedì 6 aprile alle ore 18.00 all’inaugurazione della mostra e alla presentazione del catalogo su Marisa Mori negli anni del Lyceum, a cura di Elisa Acanfora e Chiara Toti.

Artista poliedrica e talentuosa, e tra i protagonisti dell’arte tra le due guerre, Marisa Mori torna al Lyceum di Firenze con dodici preziosi dipinti, la maggior parte inediti, rintracciati tra quelli che la pittrice espose nelle sale dell’Associazione tra gli anni Trenta e gli anni Cinquanta del Novecento, nel periodo in cui ne fu socia.

Come riferisce il catalogo e come illustrerà Chiara Toti nella conferenza introduttiva, Marisa Mori espresse infatti liberamente la sua sfaccettata natura, lasciando che convivessero le sue principali esperienze artistiche così apparentemente di segno opposto; ovvero i primi anni di formazione presso la scuola di Felice Casorati a Torino (1925-1931) e successivamente l'adesione, in coincidenza con il ritorno a Firenze, al movimento futurista (1931-1940). Una compresenza di cui dà conto la selezione presente in mostra, per un evento che ha avuto il sostegno del Ministero - Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali.

Vi aspettiamo!

Elisa Acanfora

Maria Claudia Bianculli

Sezione Arte

 

 

Lunedì 3 aprile alle ore 19 al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 - primo piano) avremo occasione di conoscere la musica pianistica di Charles Thomlinson Griffes, il più importante esponente statunitense dell'impressionismo musicale, grazie alla conversazione-concerto che il pianista EMANUELE TORQUATI - raffinato interprete di inconsueti percorsi pianistici - intratterrà insieme al vivace musicologo LUCA SCARLINI.

CHARLES THOMLINSON GRIFFES (1884-1920) aprì la musica americana, a cavallo della Prima Guerra Mondiale, a una nuova, straordinaria stagione creativa: oltre ad essere tra i primi a studiare le linee di Debussy e Skrjabin, fu un pioniere nell’attenzione alla cultura sonora giapponese, che è stata tanto rilevante per le vicende statunitensi, fino alle rarefatte sperimentazioni di matrice "zen" di John Cage. Fonti di ispirazione principali furono per Griffes la letteratura e il tema del viaggio, alimentandosi ai paesaggi d’Italia e ai sogni d’Oriente.

Emanuele Torquati e Luca Scarlini narreranno in musica e parole - in occasione dell'uscita dell'integrale pianistica per Brilliantclassics, incisa da Torquati - il profilo di questo sorprendente compositore, pressoché ignoto in Italia, che fu fedele, nella sua breve esistenza, alla logica del sogno e della poesia. Nel corso dell'iniziativa saranno eseguite le seguenti opere di Charles Griffes: The Vale of Dreams, da Three Tone-Pictures op. 5 (1910-1912); De Profundis (1915); The White Peacock, da Roman Sketches op. 7 (1915-1916); Piano Sonata (1917-1919), nei tempi Feroce-Allegretto con moto, Molto tranquillo e Allegro vivace.

 

La conversazione-concerto è a ingresso libero, fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina" - sostenuta da FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE - ed è realizzata in collaborazione con DISCHI FENICE.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

.

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano)

La Valle dei Sogni: alla scoperta della musica pianistica di Charles Griffes (1884-1920)

Conversazione-concerto

EMANUELE TORQUATI, pianoforte; LUCA SCARLINI, musicologo

Musiche di C. Griffes

In collaborazione con DISCHI FENICE

 

“La Valle dei Sogni: alla scoperta della musica pianistica di Charles Griffes (1884-1920)”.

 

 

Vi aspettiamo giovedì 30 Marzo, alle ore 18.00, per ascoltare Pietro Pietrini, Direttore dell’IMT School for Advanced Studies di Lucca che ci illustrerà come……

Coltivare i sogni: quale ruolo per le scuole di Alta Formazione?

“Mi rivolgo ai nostri giovani allievi, in particolare alla classe appena entrata. Se alla fine del vostro percorso di studio sarà cresciuta in voi la curiosità, se saprete chiedervi il perché delle cose con nuovi strumenti, se sarete in grado di guardare al mondo da prospettive nuove, con punti di vista diversi da quelli dati per scontati, allora vorrà dire che il tempo che avrete trascorso in questa piccola parte del pianeta qui con noi sarà stato proficuo e noi avremo ben assolto ai doveri assunti nei vostri confronti.

In fondo, la Scuola IMT - Istituzione, Mercati e Tecnologie - racchiude nel suo acronimo l'essenza stessa della sua missione.

L’Istituzione, quale centro unificante delle attività di ricerca, di studio e di formazione, alla quale guardare con senso di appartenenza e orgoglio.

I Mercati, che danno la dimensione concreta del ruolo dell'Istituzione nel contesto competitivo locale, nazionale ed internazionale.

Le Tecnologie, strumento indispensabile non fine a se stesso ma quale grimaldello per valicare i confini della nostra ignoranza, gli unici veri confini con i quali uno scienziato si confronta per tutta la sua vita”.

Dalla prolusione del Direttore Pietro Pietrini in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico 2015-2016.

Vi aspettiamo!

Un saluto cordiale.

Maria Luisa Luisi e Maria Teresa Ceccherini Guicciardini

Sezione Scienze e Agricoltura

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Notizie sul relatore:

Pietro Pietrini, neuroscienziato e psichiatra, è professore ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica e, dal novembre 2015, Direttore della Scuola IMT Alti Studi di Lucca. Ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia e il Diploma di Perfezionamento in Neuroscienze presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. Da quasi trent'anni si dedica allo studio delle basi cerebrali delle funzioni mentali e del comportamento umano normale e patologico, e delle implicazioni che le conoscenze neuroscientifiche rivestono anche per questioni come l'imputabilità e il libero arbitrio. Autore di numerose pubblicazioni scientifiche, collabora con il supplemento Domenica de Il Sole 24Ore su temi di psichiatria. Nel 2015 è stato insignito dell'onorificenza di Commendatore, Ordine al Merito della Repubblica Italiana per meriti scientifici. Nel 2016 ha ricevuto la Cittadinanza benemerita dalla città di Fivizzano (MS) "Per la sua pluriennale attività di professionista e di scienziato di altissima qualità nel panorama nazionale ed internazionale e di onorata carriera nel campo medico psichiatrico" e la medaglia di bronzo “Al Merito della Sanità Pubblica” dal Presidente della Repubblica.

 

 

Vi aspettiamo al Lyceum per i tre appuntamenti di "Svelare la musica" realizzati dal Lyceum in collaborazione con gli Amici di Suoni riflessi - Ensemble Nuovo Contrappunto, che quest'anno saranno incentrati sui segreti dell'interpretazione di Bach e Mozart.

Inizieremo Lunedì 27 marzo alle ore 18, quando il grande flautista Mario Ancillotti terrà la conversazione-concerto sulla Sonata in mi minore K 304 di Wolfgang Amadeus Mozart, che sarà eseguita insieme al pianista Matteo Canalicchio.

Potete visionare il programma completo della rassegna, riservata ai Soci del Lyceum e degli Amici di Suoni riflessi.

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

Ricorderete che, in occasione della relazione su Isabella Medici Orsini, lo scorso gennaio, la Direttrice della Villa di Cerreto Guidi, Dr.ssa Cristina Gnoni, si offrì di accogliere il Club per una visita guidata alla Villa.

 

La Direttrice mantiene la promessa e ci aspetta sabato 25 marzo alle 15, in quella che, nata come casino di caccia di Cosimo I de' Medici, divenne, col passare del tempo, residenza signorile, impreziosita da pregevoli opere d'arte, oggi sede anche del Museo storico della Caccia e del Territorio.

Seguirà, alle ore 16, una mia conferenza, sul Progetto Medici e la presunta sepoltura di Isabella de' Medici, in San Lorenzo (Firenze).

 

La Presidente

 

 

La Sezione Arte è lieta di invitarVi giovedì 23 marzo alle ore 18.00 alla conferenza di Alessandro Cecchi su Masaccio. Sarà questa l’occasione per ripercorrere insieme l’attività del maestro dell’umanesimo italiano alla luce della rilettura e delle novità emerse nella monografia di riferimento che lo studioso ha da poco dedicato all’artista.

Vi aspettiamo.

 

Elisa Acanfora

Maria Claudia Bianculli

Sezione Arte

 

 

Lunedì 20 marzo alle ore 18 il giovane, ma già acclamato pianista fiorentino BENIAMINO IOZZELLI eseguirà uno splendido programma al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 - primo piano), dedicando la prima parte del concerto all'esecuzione di due Sonate e la seconda parte a quella di Studi pianistici della grande tradizione romantica. Inizieremo con la Sonata in do maggiore Hoboken XVI:50 di Joseph Haydn, seguita poi dalla terza Sonata op. 23 di Alexandr Skrjabin; proseguiremo con una scelta di Studi dall'op. 10 di Fryderyk Chopin e con i monumentali Studi sinfonici op. 13 di Robert Schumann.

Allievo della grande scuola pianistica di Giovanna Prestia, il diciannovenne Beniamino Iozzelli è uno dei pianisti più promettenti della sua generazione formatisi al Conservatorio "Luigi Cherubini" di Firenze; perfezionatosi con Riccardo Risaliti presso l'Accademia Pianistica Internazionale di Imola, sta spiccando il volo verso le grandi capitali musicali internazionali, essendo stato recentemente selezionato per il corso di alto perfezionamento alla Gnessin Russian Academy of Music di Mosca. La sua intensità interpretativa, particolarmente impressionante, risalterà in questo programma di grande impegno e bellezza.

 

Il concerto, realizzato in collaborazione con AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE e con il CONSERVATORIO "LUIGI CHERUBINI" di Firenze, è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina", sostenuta dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

.

**************************************************************************************

 

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano)

Lunedì 20 marzo, ore 18 – Sezione Musica

Il Conservatorio "Cherubini" al Lyceum

BENIAMINO IOZZELLI, pianoforte

Musiche di J. Haydn, A. Skrjabin, F. Chopin, R. Schumann

In collaborazione con l’Associazione AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE e con il CONSERVATORIO "L. CHERUBINI" di Firenze

 

 

 

"Il tè si beve per dimenticare il frastuono del mondo".

Così diceva, nel XVI secolo, il saggio T'ien Yi-heng.

Ed è vero: le sale del Lyceum, con la loro atmosfera antica e silenziosa, regalano il privilegio della condivisione di gusti, interessi, passioni.

Insieme al , si riassapora il piacere di gesti e ritualità, che il quotidiano tende a offuscare.

Vi aspettiamo, lontani dal "frastuono del mondo", venerdì 17, dalle 16.30 alle 19.

 

Alessandra Scarpato e Tatjana Jaksic

Sezione Attività Sociali

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Domenica 12 marzo al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Via Alfani, 48 - primo piano), dalle ore 11 alle 12.30, la lezione del M° A. Riccardo Luciani sul Quartetto in do minore op. 51 n. 1 di Johannes Brahms proseguirà gli incontri del corso "Brahms il progressivo", insegnandoci ad ascoltare e a godere in modo più consapevole la bellezza di questo capolavoro. L'occasione è particolarmente preziosa, perché l'analisi del M° Luciani sarà immediatamente seguita dall'emozione dell'esecuzione dal vivo di questo capolavoro da parte del Quartetto TAAG (TOMMASO FRACARO e ALESSANDRA DEUT, violini; ALESSANDRO CURTONI, viola; GIULIO SANNA, violoncello).

Ricordiamo che l'iniziativa è realizzata in collaborazione con la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole - Onlus e che è necessaria l'iscrizione (anche alle singole lezioni, che sono di taglio monografico) secondo le modalità allegate a questo messaggio.

 

ISCRIZIONI ONLINE AL SEGUENTE LINK

http://www.scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3057-corso-luciani

 

Questa la data della successiva e ultima lezione, sempre dalle 11 alle 12.30 e sempre nella sede del Lyceum: Domenica 9 aprile.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48, Firenze (primo piano)

Domenica 12 marzo, ore 11 - Sezione Musica

RICCARDO A. LUCIANI, Brahms il progressivo: il Quartetto in do minore op. 51 n. 1

Esecuzione del Quartetto in do minore op. 51 n. 1 da parte del Quartetto TAAG (TOMMASO FRACARO e ALESSANDRA DEUT, violini; ALESSANDRO CURTONI, viola; GIULIO SANNA, violoncello)

Musiche di J. Brahms

In collaborazione con la FONDAZIONE SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE – ONLUS

 

Riccardo A. Luciani mette a disposizione dei frequentatori la sua profonda competenza e la ben nota capacità divulgativa per tracciare un ritratto di Johannes Brahms. Nel 1933 Arnold Schönberg lo definiva - in un saggio divenuto celebre - "Brahms il progressivo", notando come, a distanza di tempo, il suo contributo all'evoluzione del linguaggio musicale apparisse ben più rilevante di quanto percepito dai contemporanei.

Durante gli incontri, che si terranno presso la sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, via Alfani, 48), sono previsti ascolti discografici e dal vivo, con l’intervento di giovani musicisti della Scuola.

 

 

Vi aspettiamo in Palazzo Giugni Fraschetti (via Alfani, 48) giovedì 9 marzo, alle ore 18, per un'iniziativa più unica che rara: con la regia di Klaus Froboese le sale del Lyceum Club Internazionale di Firenze saranno il palcoscenico della collezione Buonincontro, una magnifica raccolta di antiche "macchine sonore" tutte funzionanti, che ci incanteranno con suoni provenienti da antichi dischi, carillons, grammofoni di tutte le dimensioni (da quelli pensati come giocattolo, con i loro dischi in miniatura, tutti ascoltabili, al grande modello "mammuth" che sarà esposto in sala musica).

 

A introdurre l'incontro saranno l'Assessore Cecilia Del Re, Klaus Froboese ed il proprietario della collezione, Enrico Buonincontro.

 

Per la visita è indispensabile prenotarsi presso Mary Facciotto (333 9862373) fino ad esaurimento dei posti disponibili. L'iniziativa avrà termine alle ore 19.30.

 

Vi aspettiamo!

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Lunedì 6 marzo 2017 ore 18

Presentazione di "Pasquale Villari. Uno storico positivista alla ricerca del Medioevo." (Il Prato, 2016)

Pochi giorni dopo la sua presentazione al Club, la Sezione dei Giovani si ripropone a voi con un suo rappresentante, Salvatore La Lota Di Blasi, che già da diverso tempo è affezionato frequentatore della nostre manifestazioni.

Presenteremo, infatti, il suo libro Pasquale Villari. Uno storico positivista alla ricerca del Medioevo (Il Prato, 2016), frutto degli studi per la sua seconda laurea in Storia, con il quale si è aggiudicato il premio Spadolini Nuova Antologia-XIX edizione.

Pasquale Villari, nel condurre i numerosi filoni della sua ricerca, ha lasciato una traccia significativa, come uno dei primi studiosi europei che abbia utilizzato il metodo positivista nella ricerca storica. Il libro si articola in un percorso ragionato, che, partendo dallo studio delle fonti, analizza anche l’epistolario di Villari, legato alla formazione delle sue principali opere storiografiche. La figura di Villari docente dell’Istituto di Studi Superiori di Firenze, l’analisi del rapporto con gli allievi e il suo metodo didattico sono oggetto di una trattazione particolarmente approfondita e originale.

La manifestazione avrà il valore aggiunto degli interventi di due insigni studiosi dell'Ottocento, Cosimo Ceccuti e Francesco Salvestrini.

Vi aspettiamo come al solito numerosi, per sostenere questo nuovo ramo, che nasce da un tronco secolare, ma destinato a rafforzarsi, se riusciremo ad infondere la nuova linfa, che viene dai nostri giovani.

 

Sezione Giovani

Anna Borgia, Paola Pirolo

Sezione Letteratura

 

 

 

Venerdì 3 marzo alle ore 18 la violinista ucraina ANASTASIYA PETRYSHAK suonerà insieme al pianista LORENZO MEO al Lyceum Club Internazionale di Firenze un bellissimo programma cameristico, comprendente la Sonata per violino e pianoforte di Claude Debussy, la terza Sonata op. 108 di Johannes Brahms e la Sonata per violino e pianoforte scritta da John Corigliano nel 1963.

 

La presenza di questa violinista ventitreenne nella stagione del Lyceum prosegue la proposta - accanto a illustri musicisti - di giovani, straordinari talenti, che è ormai una tradizione più che centenaria nella storia di questa associazione. La prestigiosa formazione e la splendida professionalità di Anastasiya Petryshak fanno presagire un suo luminoso percorso ai massimi livelli nel mondo musicale, già iniziato sotto la guida di personaggi come Salvatore Accardo, Rudolf Koelman, Boris Belkin, Shlomo Mintz e Pierre Amoyal.

 

L'iniziativa, realizzata in collaborazione con l'associazione AMICI DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO e con l'ASSOCIAZIONE "MUSICA CON LE ALI", è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina", sostenuta dalla FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

.

**************************************************************************************

 

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano)

Venerdì 3 marzo, ore 18 – Sezione MusicaVenerdì 3 marzo, ore 18 - Sezione Musica

Giovani talenti al Lyceum

ANASTASIYA PETRYSHAK, violino; LORENZO MEO, pianoforte

Musiche di C. Debussy, J. Brahms, J. Corigliano

In collaborazione con l’ASSOCIAZIONE AMICI DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO

e l’ASSOCIAZIONE “MUSICA CON LE ALI”

 

Curriculum dei musicisti

 

Vin d’honneur

PER LA PARTECIPAZIONE AL DRINK È NECESSARIA LA PRENOTAZIONE, ENTRO LUNEDÌ 27 FEBBRAIO, PRESSO MARY FACCIOTTO (TEL. 333 9862373)

NON SARÀ GARANTITA LA POSSIBILITÀ DI PRENOTAZIONI OLTRE TALE DATA.

 

 

 

 

 

 

Vi aspettiamo al Lyceum Club Internazionale di Firenze giovedì 2 marzo alle ore 18 per ascoltare la relazione dello Storico dell’Arte Eugenio Guglielmi dal titolo Piero Castiglioni illumina le gioie di Stefano Alinari.

Saranno infatti le luci di Piero Castiglioni, tra i più importanti Lightning Designers al mondo, ad illuminare l’esposizione di gioielli di Stefano Alinari.

Eugenio Guglielmi partendo da questa unica ed irripetibile esperienza, ci parlerà del rapporto tra arte ed artigianato e della trans-disciplinarietà dell’evento.

Interverrà Ornella Casazza, già Direttrice del Tesoro dei Granduchi, ex Museo degli Argenti.

 

Adelina Spallanzani

Claudia Marin Melli

Sezione Rapporti Internazionali

Lyceum Club di Firenze

 

Eugenio Guglielmi, architetto, è autore di più di 300 saggi su temi storici, artistici e didattici. Ha curato monografie e mostre per numerosi artisti nazionli ed internazionale, presso Gallerie pubbliche e private, con particolare riferimento al periodo compreso tre le due guerre.

E’ stato ispettore onorario per i Beni Architettonici e Ambientali presso la Sovrintendenza di Milano.

Ha svolto attività di docenza per numerosi Master Universitari.

E’ stato incaricato come Professore presso la Facoltà di Architettura di Firenze, corso di Disegno Industriale e Progettazione della Moda, e presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia, per le materie di Storia dell’Arte Contemporanea, estetica e semiotica.

E’ stato coordinatore scientifico dell’’Associazione Giannini Castiglioni’ per la realizzazione della Gipsoteca dedicata al grande scultore, per la quale ha curato il volume ‘L’arte del fare’ edito da Skira.

Ha fondato la Collana ‘Gli Arieti’, Macchione editore, dedicata alle Arti visive e alla Critica estetica e filosofica, assumendone la direzione.

Stefano Alinari vive e lavora a Firenze. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche, come al Museo degli Argenti, ora Tesoro dei Granduchi, a Firenze, e private in Italia e all’estero.

Ha insegnato all’Università di Firenze, ai master all'Università di Arezzo ed in Brasile.

Pietro Maria Castiglioni (Piero), architetto, si dedica all’illuminotecnica.

Esegue numerosi progetti di illuminazione per luoghi pubblici privati, in tutto il mondo, come ad esempio per il Centre Pompidou di Parigi, Palazzo Grassi a Venezia.

E’ suo il light design per molte case produttrici, come Fontana Arte, i Guzzini, Osram, Venini, Radius, e molte altre.

Docente dal 1995 per la Facoltà di Architettura di Milano, all’Istituto di Architettura del’Università di Ginevra, dal 1999 all’Accademia di Belle Arti di Brera.

Dal 1998 membro APIL (Associazione Professionisti dell’Illuminazione) e dal 2005 al 2008 Presidente APIL.

Dal 2007 membro PLDA (Professional Lightning designer Association)

 

 

 

Con questa presentazione il nostro Club inaugura l’attività della Sezione, in cui si raccolgono i giovani all’inizio del loro curriculum professionale.

Se, per loro, è una sfida, per il Lyceum è una sorta di investimento, la creazione di un “vivaio”, a cui affidare, domani, la vita del Club.

L’esordio è affidato a Costanza Batignani, giovane laureata in Dietistica, che ha già curato l’edizione di due manoscritti di ricette.

Questa è la prima: la raccolta di ricette di Adele Fabbroni (1863-1947) ha visto la luce, grazie alla generosità della nipote, Anna Maria Nati, che ha messo a disposizione il manoscritto per la pubblicazione.

Costanza lo ha trascritto e commentato, dando nuova vita a queste ricette, restituite al loro contesto storico e culturale.

Lo sfondo è un ritaglio di Romagna toscana, tra le province di Firenze e di Forlì-Cesena, non lontano dalla terra di Artusi, dove l’Appennino esprime un paesaggio con caratteri propri, fatto di valli solcate da fiumi e torrenti, che hanno scavato rughe profonde sulla superficie del territorio, segnando, nello stesso tempo, in maniera forte, tanti aspetti della vita dei suoi abitanti.

In questa terra di confine, pur appartenuta al Granducato mediceo e vicina allo Stato della Chiesa, tradizioni, lingua e costumi sono figli della Romagna, intesa come regione mentale, più che come espressione geografica: e la stessa cucina, nei suoi principi ispiratori e nei suoi ingredienti, abbraccia questa combinazione di tempi e di culture.

Il volume sarà presentato da una Autorità nel campo degli studi artusiani, la Prof. Giovanna Frosini, che, tra le sue molteplici attività accademiche, coordina, per l’Accademia della Crusca, il progetto "L’italiano in cucina".

 

Vi aspettiamo lunedì 27 febbraio, ore 18.

 

Anna Borgia e Paola Pirolo

Sezione Letteratura

 

Maria Luisa Luisi e Maria Teresa Guicciardini

Sezione Scienze e Agricoltura

 

Giovanna Frosini, accademica corrispondente dell’Accademia della Crusca, è professoressa ordinaria di Storia della lingua italiana all’Università per Stranieri di Siena, dove dirige il Corso di Dottorato in «Linguistica storica, Linguistica educativa e Italianistica». Fa parte del Consiglio Direttivo dell’Ente Nazionale Giovanni Boccaccio e del Comitato Scientifico di Casa Artusi a Forlimpopoli; coordina per l’Accademia della Crusca il progetto "L’italiano in cucina. Per un vocabolario storico della lingua italiana della gastronomia". La sua attività di studio e di ricerca si rivolge principalmente alla letteratura e alla lingua del Medioevo, alla tradizione delle opere di Dante, al linguaggio scientifico e artistico del Rinascimento; si è più volte occupata della storia della lingua della cucina e dell’alimentazione dall’età medievale all’età contemporanea, con particolare riferimento all’opera di Pellegrino Artusi.

 

Costanza Batignani, nata a Firenze nel 1993, si è laureata in Dietistica presso l’Università degli Studi di Firenze con lode, discutendo una tesi sulle tradizioni gastronomiche toscane. Ha proseguito lo studio intrapreso con la tesi di laurea, curando la pubblicazione di due manoscritti di ricette del secolo scorso, con particolare attenzione per la loro valutazione nutrizionale e la valorizzazione del patrimonio gastronomico che esse costituiscono.

 

 

Si inaugura giovedì 23 febbraio alle 18 il ciclo di conferenze della Sezione Arte: ne sarà protagonista Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, con una lettura dal titolo "La valorizzazione dei Beni culturali".

 

La valorizzazione del patrimonio culturale costituisce, come sappiamo, uno degli obiettivi primari del nostro Stato, per promuovere la conoscenza e la larga fruizione del patrimonio nazionale al fine di incentivare lo sviluppo della cultura, e, pertanto, si presenta come una delle questioni attuali, sul piano culturale e civile, più complesse.

Questo percorso virtuoso deve essere necessariamente fondato su forti competenze e su scelte strategiche, che guidino le decisioni operative.

La valorizzazione, nei suoi processi, non può prescindere dal considerare la rilevanza economica del patrimonio culturale, per gli impatti che trasversalmente determina in relazione alle sue attività e ai suoi servizi.

Oggi, questo tema rappresenta una sfida importante per il nostro Paese: Eike Schmidt affronterà l'argomento, partendo da un osservatorio veramente speciale, le Gallerie degli Uffizi, uno dei musei più famosi del mondo.

 

Vi aspettiamo

 

Elisa Acanfora

Maria Claudia Bianculli

Sezione Arte

 

Eike D. Schmidt , Direttore delle Gallerie degli Uffizi, è stato, dal 1995 al 2000, Assistente del direttore del Kunsthistorisches Institut di Firenze e, dal 2001 al 2004, Research Associate to the Dean e membro associato del dipartimento di scultura alla National Gallery of Art, Washington, DC.

Research Curator, National Gallery of Art, Washington, DC. Dal 2004 al 2006, è stato, nei due anni successivi, Curatore del Dipartimento di scultura e delle arti decorative, J. Paul Getty Museum, Los Angeles e, nel 2008-2009, Direttore, Scultura e Arti Decorative Europee, Sotheby’s, Londra.

Prima di giungere a Firenze, è stato, dal 2009 al 2015, James Ford Bell Curator e capo del dipartimento di arti decorative, tessili e scultura al Minneapolis Institute of Art.

Ha pubblicato 9 libri, 43 saggi, 5 recensioni e 112 schede in sette lingue, con particolare enfasi sulla storia della scultura e sulla storia del collezionismo mediceo.

Presidente di sessione in convegni internazionali, docente in diversi Istituti culturali, è Membro del Comitato scientifico di riviste scientifiche e vincitore di numerosi premi.

 

 

Per la Sezione Scienze e Agricoltura, lunedì 20 febbraio, alle ore 18.00, Vincenzo Schettino e Alberto Peruzzi presenteranno il libro di Paolo Maria Mariano (Castelvecchi, 2016)

Teatro d'ombre e di luci. Cosa facciamo quando descriviamo il mondo?

È un libro di storie, uno sguardo - dall’interno - sull’attività scientifica e sulle sue connessioni con l’agire del narratore, del filosofo, del poeta; è una passeggiata, verso terre di confine, che offre prospettive non usuali sul processo di conoscenza e su come esso s’interpreta in questo nostro tempo, che appare così incerto, quasi pronto a frantumarsi.

Vi invitiamo a partecipare, per condividere un momento di piacevole riflessione.

 

Maria Luisa Luisi

Maria Teresa Ceccherini Guicciardini

Sezione Scienze e Agricoltura

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

Notizie sugli ospiti della serata:

Paolo Maria Mariano, Professore di Meccanica dei solidi e meccanica teorica presso la Scuola d’Ingegneria dell’Università di Firenze, coordina il gruppo di lavoro in Meccanica teorica del Centro di Ricerca Matematica E. De Giorgi della Scuola Normale Superiore di Pisa. È autore di numerosi saggi scientifici, monografie e articoli sulle più rilevanti riviste internazionali di settore. È membro del comitato editoriale di varie riviste scientifiche in lingua inglese. Ha tenuto corsi in Università europee e statunitensi.

Alberto Peruzzi è Professore di Filosofia teoretica all’Università di Firenze, dove è anche Presidente del corso di laurea magistrale in Teorie della Comunicazione. Ha coordinato dal 2004 al 2010 il programma Pianeta Galileo per il Consiglio Regionale della Toscana. Ha ricevuto nel 2011 il Premio del Presidente della Repubblica per la diffusione della conoscenza. È membro della New York Academy of Science e di varie società di Filosofia Teoretica e di Logica; su questi temi, ha pubblicato numerose monografie.

Vincenzo Schettino è Professore emerito dell’Università di Firenze, dove ha insegnato Chimica fisica e chimica teorica dal 1976, ricoprendo anche il ruolo di Preside della Facoltà di Scienze. È membro dell’Accademia dei Lincei, socio onorario dell’Accademia Angelico Costantiniana e fellow della Royal Society of Chemistry. Per i risultati conseguiti nel campo della chimica, ha ricevuto nel 2006 il Premio del Presidente della Repubblica e, nel 2011, la Medaglia Bonino dalla Società Italiana di Chimica. Ha pubblicato numerosi saggi di ricerca: monografie e articoli sulle più rilevanti riviste internazionali di settore. Ha anche scritto monografie sui rapporti tra scienza, poesia e arte.

 

 

Nella vita ci sono poche ore più piacevoli dell’ora dedicata alla cerimonia del tè pomeridiano. (Henry James)

Vi aspettiamo venerdì 17 febbraio, dalle ore 16.30 alle ore 19, per la nostra “cerimonia” del tè, aperta a Socie, Amici e loro ospiti.

Sezione Attività Sociali

Maria Alessandra Scarpato

Tatjana Jaksic

 

 

 

Le sezioni Letteratura, Musica, Scienze e Agricoltura del Lyceum Club Internazionale di Firenze hanno organizzato congiuntamente per lunedì 13 febbraio alle ore 18 una manifestazione speciale, dedicata ad argomenti che hanno un interesse fortemente transdisciplinare, curata da Maria Luisa Dalla Chiara e realizzata in collaborazione con il Conservatorio "Luigi Cherubini" e gli Amici della Musica di Firenze, con il patrocinio della Regione Toscana.

 

Con la regia di Gabriele Marchesini e la voce recitante di Benedetta Conte sarà rappresentata la pièce teatrale "La Sonata di Milena" di Franco Pollini, in cui è protagonista una figura femminile poco nota, Milena Marić, una matematica che è stata la prima moglie del grande fisico Albert Einstein.

Sulla base di notizie storiche, Franco Pollini ha creato una ricostruzione letteraria molto viva e commovente del personaggio di una donna scienziata, il cui destino non è stato felice. La pièce si sviluppa come un monologo, in cui Milena ricorda momenti lieti e dolorosi del suo passato con Einstein: la vita bohémienne dei primi anni, la loro collaborazione scientifica, l’annus mirabilis (il 1905), in cui Einstein pubblicò quattro articoli fondamentali che rivoluzionarono la storia della fisica.

Una presenza importante nella pièce è la musica. Franco Pollini ha immaginato che sulla scena, durante il monologo di Milena, sia presente lo stesso Einstein, che suona una sonata di Beethoven insieme con il figlio Hans Albert. Si viene a creare così un dialogo emozionante fra le riflessioni di Milena e i sentimenti espressi dalla musica. In questa occasione la voce del violino di Einstein sarà quella di un grande violinista di oggi, Ladislau Petru Horváth, primo violino dell’ Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino; il figlio Hans Albert sarà impersonato da un giovane pianista di grande talento, Sergio Costa, diplomato recentemente con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore al Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze.

 

L'iniziativa è a ingresso libero e fa parte della rassegna "Il sogno. Cultura europea e storia fiorentina", sostenuta dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo liberale che ritengano adeguato alla partecipazione all'evento.

 

Vi aspettiamo!

Anna Borgia, Paola Pirolo, Eleonora Negri, Irene Weber Froboese, Maria Luisa Eliana Luisi, Maria Teresa Ceccherini Guicciardini

Sezioni Letteratura, Musica, Scienze e Agricoltura

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano)

Lunedì 13 febbraio, ore 18 – Sezione Letteratura, Sezione Musica, Sezione Scienze e Agricoltura

Con il Patrocinio della Regione Toscana

Teatro fra musica e scienza: La sonata di Milena di Franco Pollini

BENEDETTA CONTE, voce recitante;

LADISLAU PETRU HORVÀTH, violino; SERGIO COSTA, pianoforte

Regia di GABRIELE MARCHESINI

Musiche di L. van Beethoven

A cura di MARIA LUISA DALLA CHIARA

In collaborazione con AMICI DELLA MUSICA DI FIRENZE

e il CONSERVATORIO “LUIGI CHERUBINI” DI FIRENZE

 

 

Inaugura il 9 febbraio presso la sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze la mostra Maestri e Allievi dell'Accademia di Belle Arti di Firenze. 4.

In esposizione troverete le tele di Luca Ceccherini, Cecilia Cirillo, Angela D'Ospina, Vitali Fedotov, Giuseppe Fontana, Ignazio Giordano e Francesco Pirazzi.

Dopo le mostre dedicate alle Scuole di Grafica d'arte (4 febbraio 2016) e di Scultura (12 aprile 2016), e di una prima sezione della Pittura (26 settembre 2016), ora gli spazi del Lyceum accolgono, come in una staffetta ideale, opere di altri giovani allievi della Scuola di Pittura. Il filo conduttore della mostra è quello, certamente affascinante, del paesaggio, di natura e costruito.

Vi aspettiamo,

Elisa Acanfora

Presidente

Maria Claudia Bianculli

Vicepresidente

Sezione Arte del Lyceum

 

 

Domenica 5 febbraio al Lyceum Club Internazionale di Firenze (Via Alfani, 48 - primo piano), dalle ore 11 alle 12.30, la lezione del M° A. Riccardo Luciani sulla Ciaccona della Sinfonia n. 4 op. 98 di Johannes Brahms proseguirà gli incontri del corso "Brahms il progressivo", insegnandoci ad ascoltare e a godere in modo più consapevole la bellezza di questo capolavoro.

 

Ricordiamo che l'iniziativa è realizzata in collaborazione con la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole - Onlus e che è necessaria l'iscrizione (anche alle singole lezioni, che sono di taglio monografico).

 

ISCRIZIONI ONLINE AL SEGUENTE LINK

http://www.scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3057-corso-luciani

 

Queste le date delle lezioni successive, a cadenza mensile, sempre dalle 11 alle 12.30 e sempre nella sede del Lyceum:

- Domenica 12 marzo

- Domenica 9 aprile

 

Vi aspettiamo!

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

******************************************************

LYCEUM CLUB INTERNAZIONALE DI FIRENZE

Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48, Firenze - primo piano

Domenica 5 febbraio, ore 11 - Sezione Musica

A. RICCARDO LUCIANI, Brahms il progressivo: Sinfonia n. 4 op. 98, Finale: Ciaccona

Musiche di J. Brahms

In collaborazione con la FONDAZIONE SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE – ONLUS

 

Riccardo A. Luciani mette a disposizione dei frequentatori la sua profonda competenza e la ben nota capacità divulgativa per tracciare un ritratto di Johannes Brahms. Nel 1933 Arnold Schönberg lo definiva - in un saggio divenuto celebre - "Brahms il progressivo", notando come, a distanza di tempo, il suo contributo all'evoluzione del linguaggio musicale apparisse ben più rilevante di quanto percepito dai contemporanei.

Durante gli incontri, che si terranno presso la sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, via Alfani, 48), sono previsti ascolti discografici e dal vivo, con l’intervento di giovani musicisti della Scuola.

 

 

Diamo avvio a un dialogo tra storia e attualità giovedì 2 febbraio alle ore 18, cominciando da un tema che, anche nel Trecento, ebbe ripercussioni vastissime.

«Non rimane quasi sostanza di pecunia ne’ nostri cittadini».

Così Giovanni Villani sintetizza il fallimento delle grandi banche fiorentine dei Bardi e dei Peruzzi.

Alto indebitamento del Comune, congelamento del debito pubblico, crisi di liquidità… Nella catastrofe, saltarono anche altri banchieri come gli Antellesi e gli Acciaioli.

Gli archivi ci restituiscono una lista di almeno 350 cittadini fiorentini falliti.

Mai a Firenze ci fu «maggiore ruina e sconfitta».

Giampiero Nigro farà rivivere questo drammatico capitolo della storia fiorentina.

Seguirà il dibattito, animato da Roberto Boschi, finalizzato a mettere in luce eventuali analogie tra passato e presente, peraltro previste da Villani stesso: “non si deve tacere il vero per chi ha a fare memoria di queste cose, per dare ad esempio a quelli che sono a venire di usare migliore guardia.”

Vi aspettiamo

Adelina Spallanzani e Claudia Marin Melli

Sezione Rapporti Internazionali

 

Giampiero Nigro è Direttore scientifico della Fondazione Istituto Internazionale di Storia economica “F. Datini”, Membro del direttivo della Società Italiana degli Storici Economici, Membro della commissione Italia Spagna per gli studi di Storia economica e di altre istituzioni e riviste nazionali e internazionali del settore. Direttore della Rivista Prato Storia e Arte, già Professore ordinario di Storia economica all’Università degli Studi di Firenze, è stato Preside della Facoltà di Economia di Firenze dal 2003 al 2009 e Direttore del Centro Interuniversitario di Ricerca sul Turismo delle Università di Siena, Pisa e Firenze.

Negli anni 80 è stato Assessore alla cultura e Vicesindaco di Prato; successivamente, Vice Presidente della Cassa di Risparmio.

Roberto Boschi, Amico del Lyceum, lavora da 9 anni in Banca Ifigest spa, banca fiorentina indipendente, con il core business nel Private Banking, dove si occupa di gestione e consulenza dei patrimoni finanziari oltre a sostenere la struttura organizzativa nell’attività di ricerca e sviluppo. In precedenza la sua carriera si è sviluppata all’interno del settore bancario, in Banca CR Firenze, dove dagli anni ’90 ho contribuito a creare la struttura del Private Banking e Wealth Management. Fra i suoi mentori, alla Facoltà di Scienze Politiche Cesare Alfieri, indirizzo economico, Mario Draghi.

 

 

Vi aspettiamo al Lyceum Club Internazionale di Firenze il prossimo lunedì 30 gennaio alle ore 18.00, per ascoltare la Dott. Donatella Macchia che, per la Sezione Scienze e Agricoltura, terrà la conferenza inaugurale 2017 dal titolo: "Allergie e intolleranze alimentari: il vero ed il falso".

Sempre maggiore è il ricorrere a pratiche non convenzionali per la diagnostica ed il follow-up di malattie spesso importanti, quali le allergie alimentari e le vere intolleranze alimentari: per questo, è necessario chiarire gli aspetti clinici e diagnostici di queste condizioni, al fine di condividere conoscenze ed un linguaggio scientificamente corretto. Addentrarci nel mondo delle allergie ed intolleranze alimentari è arduo, ma necessario, al fine di evitare perdite di tempo, denaro e salute per chi lamenta disturbi spesso in grado di inficiare la qualità di vita. Saranno quindi delineati i quadri clinici e gli approcci diagnostici sia della allergie alimentari sia delle intolleranze, con particolare riguardo alla Malattia Celiaca, lasciando ampio spazio alla discussione.

 

Maria Luisa Luisi e Maria Teresa Ceccherini Guicciardini

Sezione Scienze e Agricoltura

Lyceum Club Internazionale di Firenze

Notizie sul Relatore:

Donatella Macchia si è laureata in Medicina e Chirurgia col massimo dei voti con lode nel 1981, presso l'Università degli Studi di Pisa. Specializzata presso l'Università degli Studi di Firenze in Allergologia e Immunologia Clinica nel 1985, ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in tale disciplina nel 1988. Ha svolto fino al 1991 attività di ricerca biomedica presso la Scuola di Allergologia e Immunologia Clinica di Firenze. Dal 1991, è Dirigente Medico presso la SOS di Allergologia e Immunologia Clinica dell'ex ASL 10 di Firenze, presso il PO S. Giovanni di Dio, e dal luglio 2016 ne è il Direttore.

Dal 2004, è responsabile del Presidio di Rete Regionale toscano per la Malattia Celiaca e del Servizio dedicato alle Allergie ed Intolleranze alimentari per l'USL Toscana Centro.

Segretario e Tesoriere nazionale della Società Scientifica di Allergologia, Asma ed Immunologia Clinica (SIAAIC) fino al 2015, è tuttora Presidente dell'Interest Group Nazionale Reazioni Avverse ad Alimenti di tale Società scientifica .

Ha partecipato a numerosi Congressi nazionali ed internazionali come relatrice e moderatrice; ha al suo attivo oltre 100 pubblicazioni scientifiche, alcune con elevato impact factor ed ha partecipato alla stesura di capitoli di libri nella sua branca specialistica.

 

Riprende l'appuntamento del Salotto del Venerdì, aperto anche ai Vostri Ospiti.

E', come sempre, l'occasione per conoscerci meglio, per fare libera conversazione, per confrontarci.

La splendida Galleria di Palazzo Giugni Fraschetti sarà cornice a questi incontri, in cui potremo recuperare quella "socialità" del passato, di cui spesso oggi sentiamo la mancanza.

 

Vi aspettiamo

 

 

Per l'inaugurazione della stagione concertistica 2017 del Lyceum Club Internazionale di Firenze due appuntamenti entusiasmanti ci aspettano in Palazzo Giugni Fraschetti (Via Alfani, 48 - primo piano) con il trio jazz di Michele Di Toro (pianoforte), Marco Zanoli (batteria) e Yuri Goloubev (forse il più incredibile bassista della scena jazz, già primo contrabbasso dei Solisti di Mosca).

Questi tre straordinari musicisti terranno non soltanto il concerto "Play" alle 20.30 di lunedì 23 gennaio, ma anche, domenica 22 gennaio dalle 18 alle 19.30 circa, una lezione-concerto sull'improvvisazione jazz, aperta anche ad altri eventuali musicisti improvvisatori e ad un pubblico di uditori curiosi di assaporare e capire più da vicino l'interazione improvvisativa tipica del jazz.

Non pensiamo di esagerare definendo imperdibili queste due occasioni d'incontro con forti emozioni musicali.

 

Ricordiamo che le iniziative del Lyceum Club Internazionale di Firenze sono a ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti disponibili (i posti riservati sono per i Soci del Lyceum e i loro invitati).

E' gradito, da parte dei NON-Soci, un contributo libero che ritengano adeguato per la partecipazione agli eventi.

 

Vi aspettiamo!

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

 

Nel giugno 1923, le due vicepresidenti del Lyceum, Elisa Uzielli e Amelia Rosselli, si dimisero dal Consiglio e a loro fecero eco le consigliere Giorgia Zabban e Laura Orvieto. I documenti del nostro archivio non ce ne rivelano i motivi. Queste le parole di Laura Orvieto: "… si formò un’opposizione che faceva capo e comprendeva poche socie: piccolo gruppo, certo, ma basta la volontà di pochi a far del male anche al di là delle loro intenzioni e delle loro volontà. Il Lyceum si divise in due partiti; uno grande che faceva capo alla presidente, indignata e addolorata di quanto succedeva, l'altro piccolo, che comprendeva una minoranza assoluta. Vinse il primo, ma il veleno era ormai inoculato: a poco a poco le socie semite lasciarono il Lyceum…". Si dimisero, infatti, Ida Uzielli, Bianca Viviani della Robbia, Elvira Pierini, Maria De Matteis Giovannozzi, Clara Passigli, Elisa Frontali Milani...

Il 1 gennaio 1939, in seguito all'emanazione delle leggi razziali, il Consiglio inviò a 23 socie una lettera circolare, in cui si dichiarava l'aggiunta di un articolo allo Statuto: “Condizione indispensabile per poter essere socie del Circolo è l’appartenenza alla razza ariana”. Era l'inizio di quella diaspora delle socie di origine ebrea, che rappresentavano parte consistente, attiva e vitale del club. Iniziava, per il Lyceum, un periodo difficile, così come per tante altre associazioni, costrette all’adeguamento alle leggi razziali.

La circolare inviata dal Consiglio nel gennaio del 1939, riletta alla luce del panorama generale di quanto fecero analoghe istituzioni, viene a configurarsi, però, come il minimo gesto di adesione alla nuova normativa imposta dalle leggi razziali. In realtà, nessun articolo venne aggiunto allo Statuto: fu l'inevitabile, sofferta decisione per continuare a sopravvivere come club e non incorrere in sanzioni, che avrebbero potuto pregiudicare l'esistenza collettiva e individuale.

Questa interpretazione è oggi supportata dal reperimento di una lettera, scritta da Beatrice Pandolfini Corsini, che riflette la netta posizione personale della nostra Presidente, a cui cercò di improntare anche la posizione del club.

Sarà questa lettera l’occasione per la Giornata della Memoria, Lunedì 16 gennaio, alle 18.

Il Direttore dell’Archivio di Stato di Milano, Benedetto Luigi Compagnoni, che ha scoperto questo documento, ne parlerà insieme al Rabbino Capo di Firenze, Joseph Levi.

Interverranno Sara Funaro, Assessore all’Integrazione del Comune di Firenze e Lauro Seriacopi, Fondazione Don Milani.

Vi aspettiamo

La Presidente

 

 

Ecco le informazioni relative al corso che la domenica mattina, a cadenza mensile, il M° A. Riccardo Luciani sta per iniziare per la Fondazione Scuola di Musica di Fiesole Onlus e il Lyceum Club Internazionale di Firenze, dal titolo:

 

Brahms il progressivo

 

Il corso avrà inizio domenica 15 gennaio 2017 ore 11-12.30 nella sede del Lyceum (Palazzo Giugni Fraschetti, Via Alfani, 48 Firenze) con la lezione dedicata al primo movimento della seconda Sinfonia op. 73 di Brahms.

 

Queste le date delle lezioni successive, sempre dalle 11 alle 12.30 e sempre nella sede del Lyceum:

- Domenica 5 febbraio

- Domenica 12 marzo

- Domenica 9 aprile

 

 

ISCRIZIONI ONLINE AL SEGUENTE LINK

http://www.scuolamusicafiesole.it/it/component/k2/item/3057-corso-luciani

Sul volantino si trovano anche le istruzioni per altre modalità

d'iscrizione al corso, sulla seconda pagina.

 

Vi aspettiamo!

 

Un caro saluto,

 

Eleonora Negri e Irene Weber Froboese

Sezione Musica

Lyceum Club Internazionale di Firenze

 

*******************************************************************************

 

Inizia domenica 15 gennaio 2017 il nuovo ciclo di incontri a cura di Riccardo A. Luciani, che mette a disposizione dei frequentatori la sua profonda competenza e la ben nota capacità divulgativa per tracciare un ritratto di Johannes Brahms. Nel 1933 Arnold Schönberg lo definiva - in un saggio divenuto celebre - "Brahms il progressivo", notando come, a distanza di tempo, il suo contributo all'evoluzione del linguaggio musicale apparisse ben più rilevante di quanto percepito dai contemporanei.

Durante gli incontri, che si terranno presso la sede del Lyceum Club Internazionale di Firenze (Palazzo Giugni Fraschetti, via Alfani, 48) sono previsti ascolti discografici e dal vivo, con l’intervento di giovani musicisti della Scuola.

 

Calendario

15 gennaio 2017 ore 11.00: Primo movimento (Allegro non troppo) della Sinfonia n. 2 op. 73

 

5 febbraio 2017 ore 11.00: Finale: Ciaccona della Sinfonia n. 4 op. 98.

 

12 marzo 2017 ore 11.00: Quartetto op. 51 n. 1. Esecuzione di un

Quartetto dell'Accademia Europea del Quartetto della Scuola di Musica di Fiesole

 

9 aprile 2017 ore 11.00: pagine dal “Requiem tedesco (Ein deutsches Requiem op. 45)

 

 

 

“Questa storia inizia il 7 giugno 1553 nel silenzio quieto e polveroso della Segreteria Vecchia del Palazzo Ducale di Firenze…”: così, Elisabetta Mori apre il suo libro dedicato a Isabella de’ Medici, che sarà protagonista dell’evento inaugurale dell’Annata Sociale 2017.

La bellissima figlia di Cosimo I, colta, elegante, amante della musica, era andata sposa a Paolo Giordano Orsini, membro di una Famiglia illustre per potenza e ricchezza, che vantava stretti legami di parentela con l'Impero e con diverse case reali d'Europa, forte nei simboli araldici dell’orso e della rosa.

Isabella e Paolo Giordano furono attori inconsapevoli di un melodramma, che Elisabetta Mori ha trasformato in un capitolo di storia, spogliando le testimonianze del passato dalla leggenda nera che era stata tessuta intorno alla loro vicenda.

Ilda Rosati e Piero Morviducci daranno voce a Isabella e a Paolo Giordano.

S.A.R. la Principessa Kéthévan Orsini d’Aragona offrirà la sua testimonianza, nel ricordo di una sovrana illuminata e intelligente, che molto fece per la valorizzazione e la difesa delle donne.

Vi aspettiamo Lunedì 9 Gennaio, alle 18, in Palazzo Giugni Fraschetti.

 

La Presidente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contattaci

Firenze,

Palazzo Giugni Fraschetti,

via Alfani 48, primo piano

Telefono e Fax

0552478264

E-mail:

info@lyceumclubfirenze.it